• Post category:FMSI
  • Post comments:0 Commenti

Quest’anno si celebra il 70 ° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.

La Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo (UDHR) è un documento fondamentale nella storia dei diritti umani. Disegnata da rappresentanti con diversi background giuridici e culturali da tutte le regioni del mondo, la Dichiarazione è stata proclamata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a Parigi il 10 dicembre 1948 (Risoluzione dell’Assemblea Generale 217 A) come standard comune di risultati per tutti i popoli e tutti nazioni. Stabilisce, per la prima volta, i diritti umani fondamentali per essere protetti universalmente ed è stato tradotto in oltre 500 lingue.

La storia

La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, adottata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 10 dicembre 1948, fu il risultato dell’esperienza della seconda guerra mondiale. Con la fine di quella guerra e la creazione delle Nazioni Unite, la comunità internazionale ha giurato di non permettere mai più che atrocità come quelle di quel conflitto si ripetano. I leader mondiali hanno deciso di integrare la Carta delle Nazioni Unite con una road map per garantire i diritti di ogni individuo in ogni luogo.

Il documento che consideravano e che sarebbe poi diventato la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, è stato ripreso nella prima sessione dell’Assemblea Generale nel 1946.

L’Assemblea ha esaminato questo progetto di dichiarazione sui diritti umani fondamentali e le libertà e lo ha trasmesso al Consiglio economico e sociale “per un riferimento alla Commissione per i diritti umani a titolo oneroso…nella sua preparazione di una proposta di legge internazionale. ”

La Commissione, nella sua prima sessione all’inizio del 1947, autorizzò i suoi membri a formulare quello che definì “un progetto preliminare di legge internazionale sui diritti umani”. Successivamente il lavoro è stato assunto da un comitato di redazione formale, composto da membri della Commissione provenienti da otto Stati, selezionati con il dovuto riguardo per la distribuzione geografica.

La Commissione per i diritti umani era composta da 18 membri provenienti da diversi ambienti politici, culturali e religiosi. Eleanor Roosevelt, vedova del presidente americano Franklin D. Roosevelt, ha presieduto il comitato di redazione dell’UDHR.

Con lei c’erano René Cassin di Francia, che ha composto la prima bozza della Dichiarazione, il Relatore del Comitato Charles Malik del Libano, il Vicepresidente Peng Chung Chang della Cina, e John Humphrey del Canada, Direttore della Divisione Diritti Umani delle Nazioni Unite, che ha preparato il progetto della Dichiarazione.

La Commissione si è incontrata per la prima volta nel 1947.

La bozza finale di Cassin è stata consegnata alla Commissione per i diritti umani, che si è tenuta a Ginevra. La bozza di dichiarazione inviata a tutti gli Stati membri delle Nazioni Unite per i commenti divenne nota come bozza di Ginevra.

La prima bozza della Dichiarazione fu proposta nel settembre 1948 con oltre 50 Stati membri che parteciparono alla stesura finale. Con la sua risoluzione 217 A (III) del 10 dicembre 1948, l’Assemblea Generale, riunitasi a Parigi, ha adottato la Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo con otto nazioni che si sono astenute dal voto ma nessuna dissenziente.

L’intero testo dell’UDHR è stato composto in meno di due anni. In un momento in cui il mondo era diviso in blocchi orientali e occidentali, trovare un terreno comune su ciò che dovrebbe rendere l’essenza del documento si è rivelato un compito colossale.

 

Lascia un commento