VENEZUELA

Un dollaro per una merenda

Il Venezuela sta vivendo la peggiore crisi socioeconomica e politica della sua storia. Negli ultimi anni quattro milioni di persone sono emigrate dal paese in cerca di un lavoro.  In molti casi hanno lasciato i loro figli ai nonni o presso altre famiglie che a causa della povertà non riescono ad assisterli nei loro bisogni di base. Coloro che rimangono nel paese affrontano ogni giorno la carenza di energia elettrica, di cibo e di servizi.

La carenza di cibo colpisce soprattutto i bambini. Il 15% dei bambini nel paese soffre di grave malnutrizione con forti conseguenze sulla salute e crescita. Questa situazione influisce anche sulla frequenza scolastica e causa problemi di apprendimento. Si stima che nel paese oltre un milione di bambini non stia frequentando la scuola.

Il progetto “Un dollaro per una merenda” mira a garantire un accesso all’istruzione inclusivo e un apprendimento di qualità per i bambini venezuelani più poveri ed emarginati. Nel passato erano le scuole stesse ad offrire un pasto agli studenti per contrastare l’abbandono scolastico, ma attualmente molti più investimenti sono necessari per far frequentare e mantenere ogni bambino a scuola. Il progetto offre ai bambini più piccoli un pasto per mantenere la loro frequenza scolastica nonostante le difficili condizioni socioeconomiche. L’obiettivo è creare un ambiente sano in cui possono imparare, socializzare e accedere ai servizi essenziali come il pasto giornaliero a scuola per uno sviluppo fisico e psicologico ottimale.

Una colazione giornaliera è offerta a 100 bambini in stato di necessità che frequentano le 6 scuole mariste gratuite situate in aree povere ed emarginate, facendo fronte al rischio della malnutrizione e del precoce abbandono scolastico. Ogni scuola ha nominato un incaricato del progetto che monitora l’assunzione della colazione da parte dei bambini e mantiene i contatti con le loro famiglie. Quando è stato possibile, l’aiuto alimentare è offerto anche ad altri studenti.

Il progetto ha migliorato le condizioni di vita di questi bambini e ha aumentato la loro frequenza scolastica. Sta dando un grande aiuto per garantire i diritti dei bambini e per prevenire la malnutrizione e l’abbandono scolastico.

previous arrow
next arrow
Slider