Non possiamo diventare insensibili: è scioccante quanto riporta l’UNICEF sulla situazione dei bambini nelle aree di conflitto. I bambini sono diventati bersagli di prima linea.

Secondo una delle ultime pubblicazioni da parte di United Nations, la portata dell’attacco ai bambini nelle zone di conflitto nel 2017 è scioccante. Il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia (UNICEF), ha invitato tutte le parti in conflitto a rispettare gli obblighi previsti dal diritto internazionale e porre immediatamente fine alle violazioni e agli attacchi contro i bambini.

“I bambini vengono presi di mira e esposti agli attacchi e alle violenze brutali nelle loro case, scuole e campi da gioco”, ha dichiarato Manuel Fontaine, direttore dei programmi di emergenza all’UNICEF. “Dato che questi attacchi continuano anno dopo anno, non possiamo diventare insensibili. Tale brutalità non può essere la nuova normalità. ”

Secondo l’UNICEF, i bambini sono diventati bersagli di prima linea, usati come scudi umani, uccisi, mutilati e reclutati per combattere nei conflitti in tutto il mondo.

La violenza sessuale, il matrimonio forzato, il rapimento e la riduzione in schiavitù sono diventati “tattiche standard”, nei conflitti da Iraq, Siria e Yemen, in Nigeria, Sud Sudan e Myanmar, ha detto l’agenzia delle Nazioni Unite.

Oltre al trauma fisico che i bambini hanno dovuto soffrire, troppi bambini sono stati sottoposti al trauma psicosociale nel dover assistere a violenze scioccanti e diffuse.

Centinaia di migliaia sono stati sfollati e molti bambini sono morti a causa della mancanza di assistenza sanitaria, medicine o accesso al cibo e all’acqua, perché questi servizi sono stati danneggiati o distrutti durante i combattimenti.

In alcuni contesti, i bambini rapiti da gruppi estremisti subiscono ancora abusi al momento del rilascio quando sono detenuti dalle forze di sicurezza, ha aggiunto l’UNICEF.

L’agenzia delle Nazioni Unite ha sottolineato la necessità che tutte le parti in conflitto rispettino i loro obblighi ai sensi del diritto internazionale per porre immediatamente fine alle violazioni nei confronti dei bambini e al targeting di infrastrutture civili, comprese scuole e ospedali.

Lascia un commento