La Fondazione Marista per la Solidarietà Internazionale (FMSI) attraverso il Movimento Mondiale per l’infanzia in America Latina e Caraibi, lancia il suo appello per tutelare bambini e famiglie.

Il Movimento Mondiale per l’Infanzia in America Latina e Caraibi chiede urgentemente di annullare la politica di immigrazione statunitense, nota come “tolleranza zero”, che stabilisce la perseguibilità in giudizio degli adulti che attraversano il confine in modo irregolare e che, fino al 20 giugno 2018, ha portato alla separazione di oltre 2000 minori e adolescenti dalle loro famiglie.

Mercoledì 20 giugno 2018, il presidente Donald Trump ha approvato un ordine esecutivo che dichiara che le famiglie saranno tenute insieme durante la loro detenzione per l’attraversamento della frontiera e il successivo processo giudiziario per violazione della legge sulla migrazione. L’ordine esecutivo, che rimane in linea con la politica della “tolleranza zero”, non definisce un chiaro meccanismo specifico per la riunificazione delle famiglie che sono già state separate, né stabilisce il periodo durante il quale le famiglie resteranno in detenzione.

il governo degli Stati Uniti ha così stigmatizzato e discriminato migliaia di famiglie e bambini che fuggono dai loro paesi a causa della paura di essere rapiti, maltrattati, uniti o sposati per forza, violentati o, addirittura, uccisi. Sia la criminalizzazione della migrazione che la separazione forzata delle famiglie, costituiscono una grave violazione dei diritti umani. Inoltre, il Comitato sui diritti dell’infanzia dichiara chiaramente nei suoi commenti generali che nessun bambino migrante dovrebbe essere trattenuto

Il quadro normativo internazionale dei diritti umani contiene garanzie che proteggono in particolare i diritti delle persone in una situazione di migrazione. La non-criminalizzazione dei migranti e il rispetto della loro dignità, sono i principi che devono essere conservati in vari contesti, esplicitati da numerosi accordi e dalle organizzazioni internazionali, come la Commissione Inter-Americana sui Diritti Umani (CIDH), la Convenzione sui diritti del fanciullo e Il Comitato per i diritti dell’infanzia la quale esprime in particolare che gli Stati devono tenere conto dell’interesse superiore dei bambini durante lo sviluppo delle procedure di migrazione secondo specifici quadri normativi e protocolli d’azione.

Inoltre, la Convenzione sui diritti dell’infanzia e le linee guida dell’ONU sulle modalità di assistenza all’infanzia alternative, indicano che i bambini e gli adolescenti hanno il diritto di vivere in famiglia e in comunità, secondo i principi del bisogno e dell’idoneità, e che il loro interesse superiore dovrebbe essere protetto da qualsiasi determinazione amministrativa o giudiziaria. La Dichiarazione di New York per i rifugiati e i migranti afferma inoltre che gli Stati devono fare ogni sforzo per attuare con urgenza le alternative alla detenzione.

Altri strumenti, d’altra parte, sostengono questa stessa urgenza per eliminare la privazione della libertà di ragazze, ragazzi e giovani migranti in una situazione irregolare, nonché l’adozione di schemi alternativi per la loro protezione e accoglienza. A questo si aggiungono osservazioni generali comuni sui Diritti dei Bambini e degli Adolescenti in un contesto migratorio che rafforzano gli obblighi degli Stati membri a fornire protezione internazionale a bambini e adolescenti nei paesi di origine, di transito, di destinazione e ritorno.

Da parte sua, la Corte interamericana dei diritti umani (IACHR) nel parere consultivo OC-21/14 dal titolo Diritti e garanzie dei minori nel contesto della migrazione e / o bisognosi di protezione internazionale, afferma che – sebbene gli Stati mantengano margine di discrezionalità nella determinazione delle loro politiche di immigrazione – essendo le politiche migratorie relative ai minori di 18 dei diritti dei bambini, questo deve avere la precedenza su qualsiasi considerazione di nazionalità o di status di immigrazione al fine di garantire il pieno esercizio dei loro diritti.

Sulla stessa linea si pronuncia la Convenzione internazionale sulla protezione dei diritti di tutti i lavoratori migranti e dei membri delle loro famiglie, la Dichiarazione del dialogo su migrazione internazionale e sviluppo, il Protocollo per prevenire, reprimere e fermare la tratta di persone in particolare donne e bambini e il Protocollo contro il traffico illecito di migranti per terra, mare e aria.

Per tutto quanto sopra, il Movimento Mondiale per l’Infanzia in America Latina e Caraibi chiede alle organizzazioni internazionali che difendono i diritti umani – il Sistema Interamericano per i Diritti Umani, il Comitato per i Diritti dell’Infanzia (UN-CRC, l’Organizzazione International for Migration (IOM) e l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) – che adottino tutte le misure possibili per garantire la protezione di ogni bambino, bambina, ragazzo e ragazza migranti e delle loro famiglie.

Questo movimento richiede che il governo degli Stati Uniti ponga fine alla politica della ‘tolleranza zero’, promuovendo chiaramente la riparazione del danno già inflitto e per questo riunendo i bambini e gli adolescenti che sono stati già separati dalle loro famiglie, per garantire loro tutti i loro diritti e dignità.

Lascia un commento