IL PROGETTO IN BREVE:

Il progetto vuole affrontare il problema dell’acqua alla scuola Saint Chanel di Ihosy, in Magagascar, dove la carenza d’acqua potabile ha iniziato a colpire la vita dei bambini della scuola e della comunità locale, attraverso la costruzione di un pozzo per garantire il rifornimento idrico.

CONTESTO:

Il Madagascar ha una popolazione giovane – poco più del 60% ha meno di 25 anni – e un tasso di crescita demografica crescente. La comunità è prevalentemente rurale e povera; la malnutrizione è seriamente diffusa e le famiglie numerose sono la norma. In queste condizioni, è molto difficile garantire i servizi di base, come l’accesso all’istruzione e alla salute, e le infrastrutture nazionali.

Ihosy, la capitale della regione di Ihorombe, ha una popolazione di meno di 40.000 abitanti. È situata in una zona rurale e la maggior parte della popolazione cerca di guadagnarsi da vivere con l’allevamento del bestiame. I problemi di incertezza alimentare colpiscono la parte meridionale del Madagascar, inclusa Ihosy, a causa di una siccità grave e prolungata.

La scuola Saint Chanel di Ihosy è stata fondata dai Fratelli Maristi nel 1986 su richiesta del vescovo locale. Nei primi anni c’erano poche classi, ma ora, nel 2021, la scuola accoglie circa 1.200 studenti e impiega uno staff di 50 unità. I numeri della scuola sono cresciuti costantemente nel corso degli anni, tuttavia, a causa della mancanza di infrastrutture sufficienti, la scuola è costretta a rifiutare un gran numero di iscrizioni ogni anno. Si tratta di una scuola diocesana amministrata dai Fratelli Maristi.

I bambini che frequentano la scuola Saint Chanel provengono per lo più da zone rurali remote. La scuola accoglie queste famiglie dando loro l’opportunità di corrispondere rette molto basse (circa 4 euro al mese) proprio per garantire il diritto dei bambini e delle bambine a un’istruzione di qualità che altrimenti non potrebbero permettersi.

I tassi di abbandono scolastico della regione sono alti e sono dovuti, purtroppo, alle difficili condizioni socioeconomiche della popolazione, compresi alcuni problemi significativi come quello dei matrimoni precoci. La necessità di un forte sistema educativo per combattere questa sfida sociale è chiara e urgente.

Inoltre, gravi condizioni di siccità stanno colpendo questa regione del Madagascar. Povertà è più diffusa a causa della perdita dei mezzi di sussistenza e l’accesso all’acqua potabile è diventato un problema importante. Molti abitanti dei villaggi della regione devono camminare per diversi chilometri ogni giorno per l’approvvigionamento idrico. Il problema riguarda ovviamente anche i bambini della scuola Saint Chanel, la cui salute è a rischio a causa dell’acqua contaminata.

Nella stagione secca, quando i serbatoi d’acqua sono vuoti e l’approvvigionamento idrico cittadino non funziona, l’impatto sugli studenti è devastante: sono costretti a portare la propria acqua a scuola ogni giorno. Per molti questo significa camminare, ogni giorno prima della scuola, per diversi chilometri fino a un fiume contaminato. Il rischio di contrarre malattie trasmesse dall’acqua e altre malattie gravi è quindi molto alto. La maggior parte degli studenti proviene da famiglie a basso reddito e quando si ammalano i genitori hanno spesso difficoltà a pagare le cure mediche necessarie.

SCOPO DEL PROGETTO:

Questo progetto ha lo scopo di risolvere il problema della carenza di acqua nella scuola Saint Chanel, che sta seriamente condizionando la vita degli alunni. La scuola ha intrapreso questa iniziativa per scavare un pozzo che garantirà un accesso continuo all’acqua per gli studenti, il personale scolastico e la comunità locale. Lo scopo principale del progetto è quello di promuovere la salute e il benessere di questi beneficiari.

IL PROGETTO IN NUMERI:

Il progetto mira a preservare la salute del bacino di utenza della scuola Saint Chanel, comprendendo quindi circa 1.200 studenti, 50 membri del personale e le loro famiglie.

I principali obiettivi sono:

  • Garantire un facile accesso all’acqua potabile per la scuola
  • Migliorare il rendimento scolastico
  • Offrire un ambiente migliore ai bambini della scuola