Zain Chaudry e Brendan Pospischil sono due studenti della Parramatta Marist High School che hanno partecipato alla quarantasettesima sessione del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite (ONU), chiamando in causa le misure intraprese dal Governo australiano rispetto al cambiamento climatico e al trattamento dei rifugiati.

Potete dirci qualcosa sull’esperienza con la riunione del Consiglio per i diritti umani? Quanto è stato importante avere la possibilità di parlare dei diritti umani? 

Zain: “Far parte della quarantasettesima sessione del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite è stata un’opportunità unica e straordinaria. Da giovani non capita spesso di avere l’opportunità di far sentire la propria voce a un livello come questo, con impatti reali e osservabili. È incredibilmente importante per noi non solo essere consapevoli delle questioni relative ai diritti umani in tutto il mondo, ma soprattutto fare il possibile per attirare l’attenzione sui problemi più importanti e, si spera, risolverli. È fondamentale per noi poiché molti dei cambiamenti che vorremmo vedere accadere hanno un impatto diretto sul nostro futuro e sul mondo che erediteremo.

Sin dall’inizio l’intero processo è stato estremamente interessante, ci è stato insegnato come funziona la UPR che era completamente nuova per noi, e abbiamo dovuto scegliere i temi specifici ai quali dedicarci tra le numerose questioni legate ai diritti umani. Mentre il processo di preparazione continuava, ci siamo resi conto di quanto fossero importanti il nostro ruolo e le nostre voci. Dopo settimane di preparazione e pratica, siamo finalmente arrivati ​​alle nostre presentazioni alle Missioni Permanenti in tutto il mondo dove abbiamo esposto le questioni relative ai diritti umani in Australia sulle quali abbiamo scelto di concentrarci.

 Sebbene fossimo un po’ intimoriti, siamo rimasti estremamente sorpresi dal numero di rappresentanti di governo e ambasciatori interessati a ciò che noi studenti di Sydney avevamo da dire sulle questioni relative ai diritti umani nel nostro Paese. Poter finalmente assistere alla quarantasettesima sessione del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite e ascoltare alcune delle nostre raccomandazioni presentate è stata un’esperienza incredibilmente gratificante per tutti noi, e ora possiamo affermare con orgoglio di aver svolto un ruolo nella difesa dei diritti umani in Australia. Come gruppo, siamo incredibilmente grati a FMSI e a tutte le persone coinvolte che ci hanno mostrato quanto possano essere potenti le nostre giovani voci e speriamo di poter continuare a essere sostenitori di coloro che non vengono ascoltati.

Siamo rimasti piuttosto colpiti nel sentire Brendan affermare: “È essenziale garantire il godimento dei diritti umani a tutti, e ancora di più alle persone anziane”. Perché le persone anziane in particolare? Puoi raccontarci un po’ di più di quello che è successo in Australia?

Brendan: Il discorso a cui fai riferimento è stato tenuto a un panel dell’UNHRC che si occupava specificamente dell’impatto del cambiamento climatico sulle persone anziane. Il motivo per cui le persone anziane hanno bisogno di un’attenzione speciale per quanto riguarda i cambiamenti climatici è che sono particolarmente vulnerabili a eventi meteorologici estremi come inondazioni, incendi boschivi, siccità, tempeste, ecc., fenomeni ovviamente aggravati dai cambiamenti climatici. Questo perché le persone anziane tendono ad essere fisicamente meno mobili rispetto alle persone più giovani e potrebbero non essere in grado, ad esempio, di costruire un muro di sacchi di sabbia fuori dalla loro casa prima di un’inondazione, rimuovere materiale infiammabile vicino alla loro proprietà prima di un incendio boschivo o ripulire il loro vialetto dopo un violento temporale che ha causato la caduta di un albero.

Non solo le persone anziane sono fisicamente meno in grado di reagire prontamente a seguito di condizioni meteorologiche estreme, ma sono anche più suscettibili a causa della loro età avanzata e delle probabili condizioni di salute, come la maggiore probabilità di subire stress da calore o disidratazione in una giornata calda. È per ragioni come queste che dobbiamo garantire che i nostri anziani siano assistiti e protetti dagli effetti imminenti del cambiamento climatico, e lodiamo l’UNHRC per la sua attenzione su questo problema.

Il principio di equità intergenerazionale afferma che “ogni generazione detiene la Terra in comune con i membri della generazione presente e con le altre generazioni, passate e future”. Cosa significa per te questa frase? Cosa pensi che stiamo facendo per prenderci cura del nostro pianeta e cosa potremmo fare di più?

Brendan: Ogni generazione ha il controllo parziale della Terra, e la tecnologia moderna ha aumentato l’impatto che ogni generazione può avere su di essa, nel bene e nel male. La nostra generazione non fa eccezione, stiamo crescendo in un mondo che ha un disperato bisogno della nostra attenta cura e attenzione, ma siamo anche preparati con decenni di scienza del clima e ricerca sull’energia pulita che ci consente di apportare i cambiamenti necessari. Personalmente credo che l’umanità attualmente non stia facendo abbastanza per prendersi cura del pianeta, e la mia generazione vivrà in un momento cruciale nella storia del nostro clima. Se venissero intraprese le azioni giuste – e se venissero intraprese abbastanza velocemente – allora potremmo vivere per dare ai nostri nipoti un pianeta come quello che ci è stato lasciato dai nostri nonni.

Ciò è dovuto al fatto che il cambiamento climatico è progredito così tanto che anche le azioni più drastiche impiegheranno decenni per avere pieno effetto e il clima inevitabilmente peggiorerà prima di migliorare. Se la nostra generazione intraprende le azioni sbagliate, gli effetti combinati del cambiamento climatico (come lo scioglimento delle calotte glaciali che aumenta il calore ed il livello dell’oceano) potrebbero diventare troppo intensi e il mondo dovrà davvero affrontare un disastro climatico, che durerà per secoli.

La mia partecipazione al processo UPR si è concentrata sul cambiamento climatico, e mentre ci sono altri problemi in relazione all’ambiente terrestre (come la perdita delle foreste in favore delle coltivazioni nonostante gli esseri umani abbiano abbondanza di cibo e terreni agricoli), credo che il cambiamento climatico sia il problema più importante e fondamentale. Il fatto è che l’umanità non si prende cura del pianeta a causa della dipendenza della maggior parte della nostra società ed economia dai combustibili fossili non rinnovabili, che causano il cambiamento climatico.

Le azioni concettualmente semplici, ma praticamente incredibilmente complesse che tutti noi dobbiamo intraprendere, partono dal rimuovere completamente e totalmente la nostra dipendenza dai combustibili fossili per alimentare la nostra società.

 

Lascia un commento