“Più di 35.000 morti e 3 milioni di esiliati. Ecco  come posso raccontare la situazione attuale in Siria dopo gli eventi che hanno spazzato via il futuro dei giovani”, racconta Nabil Antaki, dei Maristi Blu.

“Sei anni e mezzo dopo l’inizio degli eventi che hanno causato la morte a più di 35mila persone, distrutto gran parte del Paese, esiliato più di 3 milioni di uomini e donne e spezzato i sogni di una generazioni di giovani siriani, vi racconto la situazione oggi 24 settembre”, racconta Nabil Antaki, dei Maristi Blu. “Ad Aleppo, dalla fine del 2016, la situazione a tutti i livelli è notevolmente migliorata. Come prima del luglio 2012, non esistono più una Aleppo Est e una Aleppo Ovest, ma una sola città: l’Aleppo multimillenaria. Alcune parti di Aleppo, quelle più occidentali, continuano purtroppo a ricevere proiettili di mortaio quotidianamente lanciati dai ribelli installati a 10 km dalla città sul lato di Idlib.

Ma la stragrande maggioranza dei quartieri è sicura e gli Aleppini possono circolare e vivere senza la paura di un obice o del proiettile di un cecchino. Uno straniero che avesse seguito gli avvenimenti e il martirio di Aleppo, se venisse a trovarci adesso, sarebbe stupito dalla densità del traffico, dall’illuminazione degli incroci, dai bar affollati, dalle strade prima chiuse e ora riaperte al traffico, dai giardini pubblici pieni di bambini che giocano, dagli autobus per il trasporto scolastico in funzione, dai marciapiedi liberati delle migliaia di bancarelle che funzionavano come negozi e per la riapertura di molti negozi chiusi durante la guerra. L’acqua corrente ci viene nuovamente fornita almeno due giorni alla settimana e l’elettricità è fornita 12 o 15 ore al giorno.

Tuttavia, il quadro non è poi così roseo. Questa situazione “né di guerra né di pace” non incoraggia le centinaia di migliaia di Aleppini, rifugiati o sfollati, a tornare. L’Organizzazione Internazionale per la Migrazione (IOM) ha affermato, di recente, che 600.000 persone, la maggior parte della provincia di Aleppo, sono tornate nelle loro case. Questo numero deve essere un po’ sfumato perché la maggior parte di queste persone erano sfollati interni che si erano trasferiti in un’altra zona della città o in un’altra città siriana. Questa situazione non aiuta nè la ricostruzione -perché ricostruire se non c’è pace?- nè la ripresa economica. Il costo della vita e la disoccupazione sono ancora molto alti e la maggioranza delle famiglie degli Aleppini ha ancora bisogno di aiuto per sopravvivere.

Cosa facciamo, cosa vogliamo fare: i nostri progetti.

Davanti a questa situazione e a questi nuovi sviluppi, noi, i Maristi, vogliamo favorire la ricostruzione, concentrandoci sullo sviluppo umano e lavorare per costruire un futuro ai Siriani e alla Siria. Fin dall’inizio del conflitto, anche nei peggiori dei casi,  quando i programmi di soccorso consumavano le nostre risorse materiali, abbiamo mantenuto i nostri programmi educativi e ne abbiamo iniziato di nuovi. E ora, pur continuando i nostri progetti di soccorso, abbiamo deciso di rafforzare i progetti sulla crescita e lo sviluppo umano. Crediamo fermamente che lo sviluppo possa contribuire all’instaurazione della pace e alla preparazione del
futuro. Non dobbiamo tuttavia fermare i nostri programmi di soccorso, poiché la gente ne ha ancora bisogno.

In quest’ottica abbiamo iniziato un nuovo progetto che abbiamo chiamato JOB, Job per lavoro in inglese e Job (Giobbe) per il profeta famoso per la sua pazienza, qualità necessaria per il successo del nostro progetto. Esso implica l’individuazione di posti di lavoro per i nostri giovani, favorire la creazione di piccoli progetti e incoraggiare la formazione professionale; ciò per rendere le famiglie finanziariamente indipendenti dagli aiuti ricevuti ormai da più di 5 anni e che un giorno dovranno naturalmente finire, per incoraggiare i giovani a rimanere nel paese e, infine, per partecipare alla ricostruzione della Siria.

Il team di volontari responsabile del progetto ha stabilito elenchi di offerte e richieste di lavoro  così da aiutano i giovani a pensare e realizzare i loro progetti di lavoro e  sostenerli finanziariamente. Aiutano a formare altri giovani in varie professioni, mandandoli in centri di apprendistato e, infine, creano workshop di produzione per creare posti di lavoro, garantendo la redditività del attività commerciale. In questo modo inizieremo presto un laboratorio per riciclare i vestiti usati, laboratorio che darà lavoro a una dozzina di donne.

Il nostro centro di istruzione degli adulti, M.I.T, iniziato alla fine del 2013, ha celebrato quattro anni di esistenza due settimane fa. In più di quattro anni ha organizzato 77 workshop, in cui hanno partecipato 1404 persone e sono stati guidati da 28 leader. Continueremo questi progetti, sullo stesso tema, per dare a molti
giovani la possibilità di imparare a creare la propria attività e se necessario, li finanzieremo.

In collaborazione con UNDP (il programma per lo sviluppo delle nazioni unite), apriremo un laboratorio di abbigliamento per bambini e bambini, che fornirà lavoro per 24 persone, il workshop è guidato da un Bleu Marist. Andremo anche a condurre, per due mesi, su richiesta dell’UNDP, tre progetti con l’obiettivo di rinnovare i collegamenti, talvolta spezzati dalla guerra, tra le varie parti della popolazione di Aleppo, per curare le ferite e per riparare il tessuto sociale della Siria di domani.

Tutti gli altri progetti educativi continuano. I due progetti per i bambini “Imparare a crescere” e “Voglio imparare” stanno riprendendo le loro attività il prossimo 2 ottobre. Il team di “Skill School” per la gli adolescenti ha lavorato duramente per preparare il programma per l’anno. “Tagliare e cucire”continua con le mogli, le madri e le ragazze, “Eradicazione dell’analfabetismo”, “Speranza”e “Douroub” riprenderanno presto le loro attività. Stiamo cercando tutti questi programmi per formare le persone, per prepararle al futuro e dare loro gli strumenti per avere un’attività professionale che gli consentirà di vivere al meglio.

I nostri programmi di soccorso continuano. Crediamo, dopo una profonda riflessione e un dialogo all’interno del nostro team, che l’assistenza alla popolazione sia ancora necessaria e che il momento per ridurre il volume del nostro aiuto o per fermarlo non è ancora arrivato. Soprattutto perché molte delle nostre famiglie sono di recente senza risorse. Continuiamo a distribuire cestini per cibi e igiene ogni mese a circa 1000 famiglie. Aiutiamo le famiglie sfollate a pagare l’affitto delle loro case, distribuiamo acqua a coloro che ne hanno bisogno.

Per quanto riguarda i nostri due programmi medici, siamo lieti di annunciare che il progetto “Civili Feriti di Guerra” è, grazie a Dio, rallentato per la diminuzione dei feriti dopo la liberazione di Aleppo.  Viceversa, il nostro programma medico per aiutare i malati finanziariamente incapaci di prendersi cura di se stessi o di farsi operare si amplia moltissimo, visto il numero delle persone in grande difficoltà.

Negli ultimi sei anni abbiamo attraversato diversi periodi che abbiamo dovuto gestire con diversi mezzi. La situazione attuale di “né guerra né pace” è uno dei più difficili perché le nostre risposte alla situazione non sono evidenti. Esso richiede una costante riflessione e adattamento alle nuove esigenze, e dalla nostra famiglie beneficiarie una riabilitazione alla pace tanto desiderata. Noi vogliamo seminare speranza nella gente e vedere fiorire fiducia, serenità e amore”.

Aleppo, 24 settembre 2017
Nabil Antaki

Per i Maristi Blu

 

 

 

Lascia un commento