• Post category:FMSI
  • Post comments:0 Commenti

Lavalla Village, un complesso di 17 edifici per studenti delle scuole superiori in Cambogia, è stato incorporato il 21 novembre, alla Lavalla School, un centro di istruzione primaria per studenti con disabilità fisiche, dalle aree esclusi dall’istruzione.

“Se le loro disabilità non fossero così evidenti – arti mutilati, cecità, paralisi cerebrale, ustioni e cicatrici – potresti pensare che i bambini che incontri non abbiano alcun tipo di problema; perché sorridono, sono accoglienti, felici e affettuosi; e davvero grado che li stai visitando. E il personale cambogiano è uguale. Molti di loro hanno anche disabilità, ma sono calmi e ottimisti”, ha detto Fr. Peter Carroll, Superiore della Provincia d’Australia, che era all’apertura del Villaggio Lavalla.

Questo centro è stato uno degli ultimi grandi progetti del Fratello Terry Heinrich, molto amato e sostenuto da molti, morto il 20 novembre 2018. Il villaggio di Lavalla è costituito da una serie di edifici che forniscono alloggio, spazi di studio, cucina e ristoranti per gli studenti delle scuole superiori che viaggiano da ogni giorno per frequentare scuole locali. L’infrastruttura fornisce strutture migliori e un certo grado di indipendenza per gli studenti più anziani.”

“La mia visita ha coinciso con l’incontro finale del Board di Marist Solidarity Cambodia 2019 e ho avuto l’opportunità di esprimere il mio apprezzamento ai membri per il loro generoso impegno e il loro lodevole contributo: a Brian Kinsella (Presidente), Tony Burrows (Direttore Esecutivo) e Allen Sherry, Suor Regina Pellicore (Maryknoll), Fratello Max Meier (MDA di Pailin), Sig.ra Sophea Yi (imprenditore) e il Sig. Chhom Sopagna (Responsabile finanziario).

“L’incontro ha confermato che il progetto è in buone mani, sia a livello dirigenziale che governativo”, ha detto Fr. Carroll, aggiungendo a sua volta che non sarebbe stato possibile continuare questo progetto senza il sostegno di alcuni benefattori molto generosi.

“I miei pochi giorni lì, gli eventi a cui ho partecipato e le persone che ho incontrato sono stati molto incoraggianti. I nostri fratelli, Brian, Tony e Michael, portano qualcosa di molto speciale per la comunità. Ognuno ha i propri doni speciali e ognuno di loro contribuisce attivamente e generosamente al progetto. Sono molto grato a loro; come so che siamo tutti. Come ho detto in apertura, Marcellino sarebbe orgoglioso di questo progetto marista speciale.” Aggiunto il provinciale dell’Australia.

Lascia un commento